Introduzione del libro “Flying Saucers from Naziland”

0
607
UFO Nazisti - Il libro che spiega la vera storia sugli UFO nazisti e i dischi volanti tedeschi

(Traduzione italiana dell’introduzione al libro di Maurizio Verga “Flying Saucers from Naziland“)

Quando i dischi volanti iniziarono ad apparire sui giornali degli Stati Uniti alla fine di giugno del 1947, suggerendo la presenza di velivoli avanzati che volavano inosservati nei cieli americani, divennero il sottoprodotto della combinazione di diversi elementi. Tra questi figurano i pregiudizi dei media sulla popolazione, i temi occulti promossi da appassionati e gruppi, il pio desiderio di un pianeta abitato Marte e di marziani scientificamente avanzati, i timori per gli intrusi russi, lo sviluppo travolgente della scienza e della tecnologia innescato dalla Seconda Guerra Mondiale e , ultimo ma non meno importante, la convinzione diffusa che la tecnologia nel suo insieme e i malvagi nazisti, in particolare, avessero raggiunto scoperte scientifiche quasi magiche. Quest’ultimo elemento era stato continuamente alimentato dalla stampa negli Stati Uniti (e anche in molti altri paesi), mescolando notizie frammentarie provenienti dai militari con voci, spesso di tipo selvaggio.

Soprattutto a partire dal 1944, i lettori della stampa iniziarono per anni ad essere contaminati dall’idea che le supertecnologie naziste andassero oltre l’immaginazione dell’uomo comune. Quanto più malvagia era l’origine delle armi, tanto maggiore era il fascino che suscitavano nell’uomo. Inoltre, a causa dello shock della notizia della bomba atomica nell’agosto del 1945, le persone erano pronte ad accettare e credere a ogni altra meraviglia oltre a cominciare a dubitare di ciò che il governo diceva loro su eventuali argomenti controversi. Sebbene le voci circolassero da alcuni anni, la maggior parte delle persone venne a conoscenza della bomba solo dopo il suo lancio, rendendosi conto che il governo aveva tenuto nascosto l’intero processo di sviluppo. Allo stesso modo, potrebbe essere possibile che non dicesse nulla su armi rivoluzionarie ancora più avanzate.

La mitologia delle armi segrete creata dalla stampa e il riconoscimento decennale della genialità tedesca nella scienza e nella tecnologia portarono all’accettazione nell’immaginario collettivo di ogni possibile arma miracolosa o risultato scientifico associato ai nazisti. Poiché gli sviluppi e i progetti alleati furono tenuti segreti, ciò diede al pubblico l’impressione che la Germania possedesse un vasto vantaggio tecnico, rafforzando la convinzione che il paese conservasse un vasto potenziale non sfruttato per lo sviluppo di armi. Negli ultimi decenni, diversi autori tedeschi che hanno pubblicato libri su presunti risultati fantastici e ancora sconosciuti della tecnologia nazista, inclusa la controversia relativa al presunto test di una o più bombe atomiche in Germania poco prima della fine della Seconda Guerra Mondiale, hanno sfruttato con successo questa immagine. .

I foo-fighters denunciati nel 1945 e i razzi fantasma sulla Scandinavia (e sull’Europa) nel 1946 diedero al pubblico un’ulteriore impressione della tecnologia tedesca avanzata e segreta delle armi, nonostante ricevessero una copertura mediatica minore e più breve e avessero un impatto relativamente meno significativo sulla gente. I media fornivano alla popolazione un flusso costante di notizie sulla supremazia tedesca nella scienza di guerra, mescolando storie di prototipi o progetti di carta estremamente ottimistici con voci di fantasiose armi miracolose. Niente di nuovo. In tutte le guerre e nelle loro conseguenze sono circolate voci di armi supersegrete per aumentare la paura, dimostrare il potere del vincitore (o anche del perdente), giustificare la necessità di finanziare lo sviluppo di armi uguali o spiegare il reclutamento di scienziati e tecnici dietro di loro. Durante la Guerra Fredda, all’Unione Sovietica veniva spesso attribuito il merito di aver sviluppato armi dall’aspetto futuristico.

In ogni caso, i risultati ottenuti dalla Germania non furono del tutto sopravvalutati. La notevole influenza degli scienziati, ingegneri e tecnici tedeschi che lavorarono per i loro ex nemici nel primo decennio del dopoguerra fu documentata soprattutto nello sviluppo di aerei e razzi americani e sovietici, che portarono a prodotti simili o addirittura quasi clonati.

I dischi volanti furono popolarmente percepiti come una nuova meraviglia tecnologica sin dal primo giorno della loro presentazione al pubblico americano e, subito dopo, alle persone di quasi tutto il mondo. A parte l’idea di una nuova arma domestica in grado di accoppiarsi con la bomba atomica prodotta negli Stati Uniti, la Russia è stata la principale colpevole degli insoliti aggeggi volanti. Inizialmente i militari non capirono la portata e l’origine di così tanti avvistamenti. C’era stata un’enorme scoperta di piani, disegni e primi prototipi tedeschi, ed era risaputo che questi erano molto al di sopra delle capacità degli Stati Uniti. Un tale sentimento portò anche i militari a pensare che lo sviluppo russo dei progetti tedeschi catturati fosse una delle possibili cause dei dischi volanti. Il candidato principale erano i progetti di ali volanti di Horten, che presentavano forme simili a quelle descritte da Kenneth Arnold, che scatenò la mania dei dischi volanti.

L’idea della sopravvivenza di Hitler e della fuga in roccaforti remote e segrete era diventata un argomento popolare sulla stampa, in particolare nelle pubblicazioni serali simili ai tabloid. Fu alimentato dalla mancanza di informazioni e dai conseguenti dubbi sulla morte di Hitler, nonché da alcuni eventi insoliti, come la resa di due sottomarini tedeschi in Argentina diversi mesi dopo la fine della seconda guerra mondiale. Il concetto di Hitler o degli scienziati nazisti malvagi ma ingegnosi che sviluppano superarmi per un futuro ritorno era presente nella cultura popolare ed era stato utilizzato nella narrativa. Inoltre, la stampa e il pubblico tedesco e austriaco probabilmente apprezzavano l’idea della loro superiorità tecnologica e scientifica nonostante la drammatica sconfitta. La diffusione di più storie è stata aiutata da informazioni su armi top-secret e da ridicole affermazioni di armi miracolose e sorprendenti che hanno alimentato le loro idee revansciste. Quando apparvero, i dischi volanti erano l’arma segreta ad alta tecnologia ideale e tentarono di acquisirli. I dischi volanti erano una misteriosa meraviglia tecnologica al vertice dell’immaginario scientifico dell’epoca. Molti tedeschi e austriaci furono felici di fonderli con le fantasie popolari esistenti della superscienza nazista (spesso sopravvalutata) prodotta dal genio tedesco. Continuavano a promuovere l’idea che le capacità tedesche fossero sempre di gran lunga migliori di quelle di altri paesi. I dischi volanti, sicuramente invenzione tedesca (come spesso rivendicato nei titoli di molti articoli degli anni Cinquanta), ne erano una prova lampante, siano essi frutto di tecnologia rubata dai vincitori della guerra o macchine costruite dai nuovi nazisti nascosti in qualche basi remote.

Questi elementi crearono una possibile convergenza tra i nuovi misteriosi dischi volanti e le precedenti, altrettanto misteriose storie sulla tecnologia super avanzata nazista. Per questo motivo, nel 1947, quando i dischi volanti arrivarono sulla stampa americana, i giornali furono subito inclini a prendere in considerazione le storie “foo-fighter” legate ad un articolo pubblicato un paio di anni prima e ai ricordi di alcuni veterani dell’USAAF. I giornalisti erano così confusi e perplessi dagli avvistamenti dei dischi volanti che riferirono una vasta gamma di altre bizzarre “spiegazioni”, inclusi i palloncini Foo-Go giapponesi usati durante la Seconda Guerra Mondiale. C’erano persone che contattavano addirittura le autorità americane in Germania per presentarsi come i geniali inventori di quegli aggeggi volanti, suggerendo che avrebbero potuto contribuire a riprodurli e controbilanciare la probabile supremazia sovietica.

Nell’estate del 1947, l’impatto travolgente della nascita e dello sviluppo del fenomeno UFO sulla cultura popolare portò giornalisti, commentatori ed esperti di diverse discipline scientifiche a discutere una possibile spiegazione. Molte affermazioni erano ancora più improbabili delle storie raccontate da alcuni dei primi entusiasti dell’origine marziana dei dischi volanti o da alcuni esoteristi che introducevano storie ancora più bizzarre. Pensare ai dischi volanti come ad aerei costruiti dall’uomo era una spiegazione razionale e accettabile. L’esercito americano e l’Unione Sovietica erano i principali candidati per la costruzione della nuova meraviglia aerea. Eppure, l’idea che i dischi volanti potessero essere un prodotto della stessa superscienza nazista che presumibilmente mandò i foo-fighter a ronzare i bombardieri alleati durante la Seconda Guerra Mondiale era decisamente più attraente. Considerando tutte le storie passate sulle armi segrete e miracolose tedesche, quell’idea era una possibilità reale. Ciò suggeriva che gli americani o i sovietici avrebbero potuto sviluppare ulteriormente le scoperte tedesche da soli a causa di ciò che trovarono in Germania durante la ricerca di risultati e segreti scientifici. In entrambi i casi si è trattato di un buon punto per la stampa statunitense. Se fossero americani, i dischi volanti sarebbero un significativo orgoglio patriottico e una forte iniezione di ottimismo riguardo al potere del paese. Se i dischi volanti fossero stati armi sovietiche sviluppate dopo le tecnologie segrete naziste, l’America era in pericolo e sarebbero state assolutamente necessarie maggiori spese per la difesa.

Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino all’inizio degli anni ’50 e oltre, molti giornali nei paesi occidentali pubblicarono spesso voci spaventose su improbabili super-armi russe. Gli scienziati tedeschi rinnegati che un tempo prestavano servizio ai nazisti venivano descritti come sul libro paga dei sovietici, anche se di solito contro la loro volontà. La narrazione abituale riguardava armi fantasy apparentemente prese direttamente dall’arsenale di Buck Rogers o di altri supereroi dei fumetti domenicali. Un giornale ha pubblicato un articolo paradigmatico a Venezia, in Italia. Secondo una corrispondenza da New York, a Tiflis (Tbilisi, la capitale della Georgia), i sovietici avevano enormi laboratori dove molti fisici tedeschi e un supervisore di nome Dr. Thelimann (forse un tipo sbagliato di Theilmann) stavano sviluppando un’arma a “raggi cosmici” . La storia era stata pubblicata due mesi prima in Germania, citando il quotidiano londinese Daily Mail. Lo scienziato era il dottor Wilhelm Tellmann, che fu fatto prigioniero nel 1943 dai sovietici e lavorò sei anni per loro prima di scappare e poi lavorare per il governo argentino. Per qualche strana ragione, durante la guerra, i fisici costruivano missili V-2 nelle “industrie belliche” di Peenemünde. Tellmann avrebbe raccontato al giornalista di aver visto, nel Caucaso, il test di un particolare tipo di esplosivo capace di produrre spaventose tempeste artificiali, distruggendo tutto e tutti. L’aeronautica sovietica aveva anche sganciato bombe speciali sul lago Aral, creando un freddo estremamente intenso, congelando tutto in diversi chilometri quadrati. La fonte tedesca, invece, ha riferito che le bombe hanno prodotto anche una nebbia ghiacciata e che ci sono voluti giorni prima che il ghiaccio, spesso fino a 50 centimetri in alcuni punti, cominciasse a sciogliersi e la nebbia si alzasse. Una ventina di queste bombe abbassarono la temperatura da +20° C a –30° C per diverse ore. Una simile bomba congelante era già stata associata ad uno sviluppo nazista subito dopo la fine della guerra e addirittura nel gennaio 1945. Nell’aprile 1950, lo stesso giornale tedesco pubblicò una serie di lunghi articoli dello stesso dottor Tellmann, raccontando la sua esperienza nel Unione Sovietica e la presenza lì di diverse “armi miracolose”, comprese quelle menzionate nell’articolo di febbraio. Si trattava di una sorta di racconto di fantasia dettagliato che era abbastanza comune nella stampa europea di quegli anni del dopoguerra.

All’inizio degli anni ’50, l’ipotesi classica “l’arma segreta da parte nostra o da noi” per spiegare gli UFO si indebolì sempre di più a causa dell’impetuoso emergere della connessione con lo spazio, fino a diventare completamente predominante intorno al 1952. L’idea di aerei avanzati costruiti dopo i progetti tedeschi della fine della seconda guerra mondiale sembravano una valida alternativa e una sorta di baluardo contro la travolgente mania delle astronavi marziane in visita sulla Terra. In tale prospettiva, i dischi volanti rappresentarono la svolta di uno dei vincitori della guerra, e solo rarissimi personaggi saltarono fuori affermando che i nazisti più accaniti li pilotavano da alcuni nascondigli remoti.

Le leggende tedesche sui dischi volanti erano tra le poche spiegazioni alternative durature per i veicoli spaziali avanzati in visita sulla Terra. Nel corso dei decenni successivi entrambi trasformarono radicalmente i loro contenuti originari. I dischi volanti tedeschi si sono evoluti in una formidabile arma nazista che esemplificava il potere del Terzo Reich e, di conseguenza, la sua ideologia. Tale arma si è evoluta in astronavi interplanetarie o addirittura interstellari e si è fusa con alcune propaggini estremamente esoteriche, come l’antigravità e il viaggio nel tempo. Gli UFO hanno iniziato a cambiare molto prima, passando da astronavi “dettagli e bulloni” appena pochi passi oltre la nostra tecnologia, pilotate da benevoli piloti simili a quelli umani che indossano tute spaziali, a navi altamente avanzate con capacità quasi magiche, guidate da un’ampia varietà di esseri. che in genere abbandonavano le tute spaziali e mostravano atteggiamenti non così gentili nei confronti degli umani.

Per molte ragioni, l’idea che la malvagia scienza nazista progettasse e producesse aerei avanzati era fortemente attraente e accattivante. L’attrazione porta facilmente alla speculazione e allo sfruttamento. Diversi articoli di stampa (e libri) pubblicati in Europa e altrove dal 1954 in poi davano per scontato che i tedeschi avessero sviluppato aerei circolari. Tutte le storie degli aspiranti inventori venivano solitamente presentate in modo acritico come affidabili, fuorviando i lettori e alimentando le leggende naziste sugli UFO. Tuttavia, la qualità e l’affidabilità delle informazioni erano estremamente scarse o peggiori. Nuovi articoli e libri riportavano storie inizialmente pubblicate sui giornali, a volte probabilmente inventate, come nel caso di Richard Miethe e altri, spesso modificando o aggiungendo informazioni fantasiose. Hanno creato nuove narrazioni basate sull’amplificazione distorta delle poche informazioni pubblicate in passato da altre fonti di stampa poco rigorose. Il loro potere di attrazione era forte e occasionalmente personaggi eccentrici ne approfittavano. Ad esempio, anche il controverso contattato UFO svizzero Eduard Albert “Billy” Meier (nato nel 1937) ha toccato le storie degli UFO nazisti, dimostrando chiaramente la loro solida presenza all’interno della cultura pop. Nel suo 254esimo colloquio con un Pleiadiano di nome Ptaah, il 28 novembre 1995, apprese che i tedeschi avevano sviluppato alcuni progetti di dischi volanti durante la Seconda Guerra Mondiale, sebbene nessun prototipo fosse mai volato. I vincitori della guerra sequestrarono i progetti (ma furono presi anche da alcuni nazisti in fuga in Sud America), che poi costruirono aerei operativi. Ptaah, rispondendo alla domanda di Meier, ha detto che i presunti inventori dei dischi volanti Schriever e Miethe hanno ricevuto messaggi telepatici carichi di ispirazione e informazioni per creare i loro progetti. Gli extraterrestri però non si fidavano degli uomini: non sapevano come sarebbe stato utilizzato quell’aereo, quindi fornirono informazioni errate che resero il disco inutilizzabile.

Un numero significativo di autori, soprattutto nelle nazioni di lingua tedesca, hanno creato, promosso e sfruttato lo sviluppo dei dischi volanti tedeschi originali negli UFO nazisti attraverso un notevole flusso di libri, opuscoli e video, oltre ai personaggi degli anni ’50 direttamente coinvolto nella creazione e nello sviluppo della mitologia. Il loro numero è cresciuto enormemente grazie alla diffusione delle notizie estremamente accessibile su Internet.

Come regola generale, quasi tutti gli autori che si occupavano delle storie sugli UFO tedesche e poi naziste copiarono informazioni riassunte da altre fonti di stampa inaffidabili e cominciarono a citarsi a vicenda. Le citazioni incrociate hanno reso più credibili le affermazioni infondate, mentre l’affidabilità delle fonti di stampa più vecchie è cresciuta proporzionalmente alla loro età. Agli occhi di molti, più sono vecchi, più sono affidabili. Questi testi furono mitizzati e ora sono una risorsa affidabile per gli appassionati creduloni. Inoltre, erano una parte “sicura” delle leggende. Era molto più semplice per quegli appassionati abbracciarli senza fare domande perché non avevano modo di controllarli a causa del passare del tempo e della morte di tutti i personaggi. Lo stesso noto metodo che si trova nella pubblicità e nella propaganda politica ha portato alla realizzazione della stessa storia dopo essere stata ripetuta innumerevoli volte.

L’accettazione acritica delle informazioni disponibili non rientrava solo nella “voglia di credere” della maggior parte dei lettori e degli appassionati. Lo stesso atteggiamento è stato condiviso dagli autori, anche alcuni piuttosto seri, che hanno scritto sull’argomento. La ricerca è sempre dispendiosa in termini di tempo, costosa e spesso noiosa. Copiare e incollare senza controllare le fonti e valutarle in modo critico e nel contesto appropriato è sicuramente più veloce, più economico e più gestibile.

La maggior parte degli autori che hanno trattato il tema degli UFO nazisti, a parte alcune recenti e notevoli eccezioni, hanno sempre dato per scontate le affermazioni molto discutibili di un gruppo di personaggi controversi nei primi anni ’50 e di altri nei decenni successivi. Non hanno contestualizzato quelle affermazioni, non le hanno messe in discussione in modo critico e, peggio ancora, hanno incluso molti errori, spesso derivanti dall’uso delle fonti più povere. Tale atteggiamento coinvolse occasionalmente anche gli storici di professione. Queste storie spesso si affiancavano a storie altrettanto folli su incredibili armi miracolose presumibilmente costruite dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale e che sembravano una sorta di racconto di fantascienza che alimentava il forte richiamo della maledetta scienza nazista. Ad esempio, le ripetute affermazioni di un noto autore tedesco secondo cui potrebbero essere esistiti progetti nazisti o addirittura prototipi di missili o aeroplani a propulsione atomica sono paragonabili ai racconti umoristici sui dischi volanti atomici sovietici che furono ampiamente riportati dalla stampa americana durante l’ondata dei primi avvistamenti UFO del 1947 e successivi. Pur distanti nel tempo, i due contesti erano abbastanza simili.

L’atteggiamento di citare ampiamente gli altri per rafforzare le proprie affermazioni ha funzionato bene fin dai primi anni Cinquanta e ha coinvolto direttamente anche alcuni personaggi della mitologia emergente. Ad esempio, Giuseppe Belluzzo è stato ampiamente citato e poi incapsulato nei racconti di altri inventori o informatori. Lo stesso accadde con altri due personaggi, Rudolf Schriever e l’oscuro Richard Miethe. Per altri, come Georg Klein (forse Georg Sautier), giocare con i loro nomi e inserirli nella storia sopra gli altri è stato facile. Due di quelle persone erano morte (Belluzzo e Schriever), mentre le altre due (Miethe e la new entry Habermohl) non erano disponibili, probabilmente perché vivevano solo nella fantasia di un giornalista e dello stesso Klein.

A volte le citazioni selvagge includevano anche personaggi famosi. Il più notevole fu Wernher von Braun (1912-1977), l’ingegnere aerospaziale che guidò lo sviluppo dei missili nella Germania nazista e poi negli Stati Uniti. Era in qualche modo una sorta di icona della tecnologia e della scienza tedesca, quindi il suo nome era altamente evocativo e prezioso per esaltare la “affidabilità” di inventori sconosciuti. Secondo un tabloid svedese pubblicato alla fine del 1952, Von Braun fu anche direttamente associato allo sviluppo di velivoli rivoluzionari a forma di disco volante nei laboratori di Peenemünde, sull’isola di Usedom, nel Mar Baltico, in Germania. Forse non conosceva nemmeno quell’articolo, probabilmente come è successo molte altre volte quando il suo nome veniva sfruttato per pubblicizzare storie. Von Braun era lontano negli Stati Uniti, quindi la sua smentita era piuttosto improbabile, e la storia poteva sopravvivere. Un autore tedesco molto fantasioso affermò che anche Richard Miethe lavorò sull’isola, dove un disco volante fu testato in volo il 17 aprile 1944. Senza fornire fonti, il controverso inventore tedesco Andreas Epp affermò che von Braun aveva sviluppato un disco volante di 6 metri alimentato dai motori nucleari. Tuttavia, alla fine della guerra l’aereo non era pronto per volare.

Non c’è documentazione storica, nessuna fonte, e nessuna notizia su velivoli circolari avanzati di fabbricazione tedesca risalenti a prima della comparsa dei dischi volanti sulla stampa americana all’inizio dell’estate del 1947. Sembra improbabile che nessun frammento di prova concreta, nemmeno sufficiente indizi attendibili si possono trovare nei documenti sopravvissuti di militari, organizzazioni o aziende tedesche e negli archivi alleati alimentati dalla vasta caccia tecnologica alla fine e dopo la seconda guerra mondiale. Tutti i progetti di nuove armi, anche quelli più oscuri, hanno lasciato qualche traccia, anche se solo lacunosa. Progetti, disegni, relazioni, lettere o fotografie sono prove, a volte vaghe o minuscole, di progetti anche folli che non hanno mai lasciato il tavolo da disegno o la carta delle loro proposte concettuali. Gli aerei circolari ad alte prestazioni descritti dalla stampa in Germania, Italia, Francia e Brasile prevedevano nuovi design, soluzioni tecnologiche, macchinari avanzati e preziosi materiali high-tech non disponibili in Germania in tempo di guerra o estremamente rari. I tedeschi, notoriamente attenti, avrebbero prodotto una documentazione ufficiale significativa a causa di questo sforzo insolitamente su larga scala, che, se fosse effettivamente avvenuto, avrebbe richiesto la partecipazione di gruppi non così piccoli di esperti altamente competenti. C’era anche la possibilità che alcune delle numerose persone coinvolte facessero trapelare informazioni. Al contrario, gli inventori di solito si descrivevano come “artigiani” che lavoravano con piccoli team, risolvendo rapidamente sfide tecniche sostanziali con risorse difficili da trovare. Era decisamente una narrazione ingenua sullo sviluppo di un aereo rivoluzionario.

Ancora una volta, è essenziale sottolineare che non esiste alcuna prova documentata oltre alle fonti di stampa degli anni ’50 (e precedenti) che riportano dichiarazioni difficili da credere di presunti inventori. Poi, a partire dalla fine degli anni Ottanta, si diffusero voci assurde su astronavi naziste entrate nel dominio della pura fantascienza: non abbiamo nulla a sostenerle, nemmeno quelle losche notizie di stampa. L’argomento è diventato un esercizio di “pio desiderio” per molte persone affascinate dai temi delle meraviglie della scienza tedesca e dai tipici scenari “what if” o ucronici, così come per alcune persone che lo hanno utilizzato per scopi revanscisti o politici.

Alcuni autori hanno cercato di spiegare la mancanza di fonti storiche, testimoni attendibili e riferimenti nei documenti ufficiali: tutti i documenti ufficiali sui dischi volanti tedeschi furono distrutti dai nazisti o furono sequestrati dagli Alleati alla fine della Seconda Guerra Mondiale, nessuno escluso. . Secondo una fonte tedesca, la Luftwaffe ha bruciato tra le 50 e le 60 tonnellate di documenti. Inoltre, nel 1945, le potenze vincitrici di Francia, Gran Bretagna, Unione Sovietica e Stati Uniti sequestrarono un’enorme quantità di documenti relativi ad una vasta gamma di argomenti scientifici e tecnici e furono ampiamente valutati, mentre macchinari e prototipi esistenti, compresi aerei e furono sequestrati anche i razzi. Nel 1960 gli archivi dei documenti sequestrati iniziarono ad essere restituiti alla Germania occidentale dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, ma il processo impiegò molto tempo per concludersi. Una quantità sorprendente di documenti tecnici e scientifici venne microfilmata, soprattutto dalle squadre investigative BIOS/FIAT statunitensi e da quelle britanniche. Una parte significativa di tale ricchezza di informazioni non è mai stata vagliata, classificata e organizzata, rendendone l’utilizzo straordinariamente impegnativo ma impossibile. La distruzione dei documenti, la mancanza per alcuni decenni di quelli catturati dagli Alleati, la mancanza di quelli catturati dai sovietici, e la concreta possibilità che i vincitori della Seconda Guerra Mondiale potessero essere in possesso di informazioni sulle tecnologie più avanzate hanno contribuito a considerare la possibilità storie dei dischi volanti tedeschi con benevolenza. Gli inventori avevano un notevole vantaggio: ciò che dicevano non poteva essere esposto attraverso il controllo diretto degli archivi di guerra, quindi sfruttarono astutamente il conseguente dubbio. Più tardi, quando quelle storie si trasformarono in incredibili UFO nazisti, come le navi Haunebu fabbricate dagli autori Jürgen Ratthofer e Ralf Ettl nel 1992, quelle giustificazioni furono intensamente sfruttate per controbilanciare le critiche ragionevoli di coloro che mettevano pesantemente in discussione il nuovo tecno-folklore legato ai nazisti. Un processo di giustificazione simile è stato spesso riscontrato in altri argomenti marginali, come gli UFO: le informazioni disponibili sono vaghe, controverse e inaffidabili perché i governi e i militari mantengono segrete le prove concrete. Le teorie del complotto forniscono una spiegazione analoga: tutto ciò che riguarda i dischi volanti tedeschi è stato soppresso e nascosto per preservare una tecnologia rivoluzionaria in grado di fare la differenza negli equilibri tra le superpotenze nel dopoguerra. Ciò che sappiamo della Guerra Fredda e dei periodi successivi, tuttavia, non sembra corrispondere a un mondo in cui un paese ottenne una supremazia estrema con aerei rivoluzionari sviluppati sulla base della tecnologia nazista super-segreta.

Alcuni autori sono propensi a pensare ad una simile cospirazione che impedisca la disponibilità di informazioni e testimoni. Rothkugel scrisse ad esempio che molte persone che sapevano qualcosa dei progetti tedeschi e le famiglie di coloro che potevano avere qualche conoscenza tacevano. Quando ha chiesto informazioni agli archivi e alle istituzioni dell’aviazione, ha avuto l’impressione che domande concrete fossero bloccate e che si evitasse di rilasciare dichiarazioni su determinate cose. Scrisse che qualcosa sembrava essere tenuto segreto a tutti i costi. Probabilmente le persone sono rimaste in silenzio solo perché non avevano niente da dire, e gli archivi o le istituzioni pubbliche sono tipicamente lenti e lenti nel rispondere alle domande dei ricercatori privati e nel fornire loro informazioni. La ragione più semplice e più probabile per la totale mancanza di prove è che le notizie della stampa sui piattini presumibilmente di fabbricazione tedesca si basavano su voci infondate provenienti da persone normalmente controverse. In poche parole, informatori non plausibili e autoproclamati inventori sono responsabili della creazione delle storie dei dischi volanti tedeschi.

L’aereo circolare descritto dagli inventori negli anni ’50 era un sogno tecnologico dell’epoca, ma niente di veramente esotico o un salto di qualità nell’attuale scienza aeronautica. Avrebbero dovuto utilizzare motori a reazione all’avanguardia e una forma radicale necessaria per corrispondere all’idea prevalente sulla forma dei misteriosi dischi volanti. Dopotutto, quegli aggeggi visti nei cieli erano rotondi perché erano stati chiamati “dischi volanti”, ma solo una minoranza di fortunati testimoni li riportò come a forma di disco. Inoltre gli inventori vantavano prestazioni ben oltre la tecnologia dell’epoca perché i dischi volanti riportati dalla stampa erano dotati di velocità e manovrabilità straordinarie. Le migliori performance potrebbero aiutare a vendere meglio le loro storie e soddisfare l’appetito dei lettori per notizie entusiasmanti e pii desideri. Le velocità di crociera estreme e l’autonomia di volo ispiravano stupore nel grande pubblico e curiosità tra il personale militare.

Dopotutto, quegli aerei circolari erano intriganti ma non qualcosa di “fuori dal mondo”. Se gli Alleati avessero trovato qualcosa del genere alla fine della guerra, i militari lo avrebbero introdotto come ulteriore sostanzioso bottino. Sarebbe stato un ulteriore modo per vantarsi e aumentare la fiducia nel governo americano. Potrebbe affermare di possedere un’altra arma, rafforzando il suo potere e rendendo i contribuenti più fiduciosi nel futuro del Paese.

Se supponete che quegli aspiranti inventori fossero stati in grado di costruire aerei così rivoluzionari o anche solo di progettarli (e non ci sono prove a riguardo perché è molto probabile che quelle persone abbiano inventato solo le loro storie), vi chiederete perché non lo abbiano fatto. non presentarsi solo alla fine della guerra. Sarebbe stata una grande opportunità per migliorare notevolmente la loro vita in un mondo di rovine e fame. Cambiamo per un momento la prospettiva: la maggior parte delle menti più brillanti del Terzo Reich furono portate negli Stati Uniti e nell’Unione Sovietica (e in Gran Bretagna e Francia, su scala molto più piccola) dopo una massiccia caccia a cervelli in grado di aiutare le successive forze armate e sviluppo scientifico. In cima alla lista degli obiettivi dei gruppi di ricerca alleati ci sarebbero stati i creatori di velivoli ultra-prestazioni, come Rudolf Schriever. Al contrario, Schriever e gli altri si presentarono anni dopo, quando i dischi volanti permisero loro di creare una storia affascinante da vendere per una vita migliore. Perfino Georg Klein, che nel 1953-1954 si vantava di essere stato una sorta di massimo supervisore del progetto tedesco del disco e di grande conoscitore delle persone coinvolte e delle loro realizzazioni, non fu mai intervistato dalle squadre alleate, sempre assetate di nuove tecnologie e prototipi di aerei.

Un autore tedesco che usava uno pseudonimo per pubblicare una serie di libri sugli UFO nazisti e sulla fuga di Hitler da Berlino offrì una ragione discutibile per cui non si presentarono:

[…] Comprensibilmente non uscirono allo scoperto nel 1945. Era troppo rischioso per loro, perché i vincitori avrebbero potuto rapirli. Con il passare del tempo, questa minaccia è scomparsa oppure i progettisti hanno messo a disposizione per la vendita se stessi e le loro conoscenze specializzate.

Il motivo è probabilmente molto più semplice. La maggior parte degli inventori è apparsa quando il fenomeno dei dischi volanti ha dato loro una grande opportunità di creare e vendere storie sfruttando il nuovo mistero e offrendo un’alternativa relativamente ragionevole alla crescente e diffusa accettazione della loro origine extraterrestre. I dischi volanti sembravano aerei avanzati, quindi qualcuno avrebbe dovuto costruirli. Grazie alle notizie vaghe ma persistenti sulle misteriose armi miracolose tedesche (comprese le terribili bombe atomiche) e al forte fascino per la malvagia scienza nazista (qualcosa che somigliava a una sorta di stregoneria nera tecnologica), l’idea di un’invenzione tedesca era affidabile. Per molti era molto meglio che pensare ai marziani a bordo dei dischi volanti. Dopotutto, l’ipotesi di armi segrete fabbricate da americani o russi fu una delle più dibattute dallo scoppio del fenomeno dei dischi volanti nell’estate del 1947. Molte persone negli Stati Uniti credevano che i dischi celesti fossero un’arma del dopoguerra. , forse l’aereo più veloce del mondo testato dall’esercito. Anni di fantastiche notizie sulle “wunderwaffen” tedesche, sulla loro cattura e sulla cattura di numerosi scienziati nelle mani degli Alleati alimentarono l’idea che gli Stati Uniti (o la Russia, dal momento che, nel peggiore dei casi, i dischi volanti potrebbero essere un prodotto del paese). dietro la cortina di ferro) avrebbe potuto realizzare un’impresa del genere. Successivamente, l’aggiunta di un tocco nazista ai dischi volanti li rese ancora più intriganti e in grado di competere con l’impatto emotivo della connessione con lo spazio.

Ad ogni modo, il fatto che gli inventori emersi tra il 1950 e il 1952 non si siano presentati con il loro presunto progetto del disco nell’estate del 1947, subito dopo le prime strane notizie sugli avvistamenti di dischi volanti, è un altro possibile indizio delle loro bugie. Sembra strano che non abbiano contattato subito la stampa, rivendicando la paternità del nuovo fantastico velivolo che volava indisturbato nei cieli di tutti i principali paesi, riportando prestazioni eccezionali e sconcertando i militari. Sarebbe stata la loro seconda grande occasione per trarre vantaggio dai loro precedenti progetti di dischi. Nel 1947, alcuni personaggi tedeschi li anticiparono. Approfittarono della fusione dei nuovi dischi volanti con le “vecchie” armi segrete naziste, ma non arrivarono alla stampa e rimasero sconosciute. Si sono rivolti direttamente alle autorità americane per ottenere un lavoro ben pagato.
Forse per ragioni politiche o per una piccola copertura delle storie dei dischi volanti non correlate ai racconti ancora più bizzarri delle visite marziane, alcuni paesi hanno fornito una copertura minima ai resoconti dei presunti super aerei tedeschi. La Spagna era uno di questi, e il noto ricercatore spagnolo Ignacio Cabria scrisse:

La Spagna a quel tempo era piuttosto solidale con la Germania, ma allo stesso tempo Franco voleva prendere le distanze dal regime nazista dopo la guerra per evitare ulteriori sanzioni. Questo potrebbe essere il motivo della scarsa trattazione delle loro invenzioni nella stampa spagnola. È solo una speculazione.

Dopo lo scoppio delle storie di fabbricazione tedesca tra il 1950 e il 1952, i personaggi successivi si appropriarono delle affermazioni dei predecessori, che erano morti (Schriever e Belluzzo) o probabilmente inventate (Miethe e Habermohl), quindi nessuna smentita era possibile. Nuovi personaggi, come Georg Klein nel 1953 (o Andreas Epp dal 1958), hanno fatto proprie quelle storie. Li hanno facilmente confermati, includendo se stessi nella narrazione. Le loro affermazioni sembravano diventare più robuste proprio perché sfruttavano l’ingenua conferma incrociata di quanto detto in precedenza da altri. Le nuove storie sembravano più dettagliate, ancora più potenti e affascinanti e, pur non avendo alcuna prova oggettiva, alimentavano autori acritici e lettori ingenui.

Gli articoli della stampa, soprattutto quelli stampati tra il 1952 e il 1954, sono stati regolarmente citati dal numero sempre crescente di libri e riviste sugli UFO pubblicati in tutto il mondo. Erano belle storie che coinvolgevano un’origine alternativa per gli accattivanti dischi volanti, intriganti quasi quanto l’idea delle astronavi provenienti dallo spazio. Ciascuna citazione di solito conteneva errori e distorsioni rispetto ai rapporti originali (per lo più vaghi ed errati), e qualsiasi citazione successiva produceva distorsioni ancora più massicce. Il risultato fu l’ideazione di un quadro disordinato, a tratti ridicolo, che si combinava con i singoli personaggi delle storie dei dischi volanti tedeschi, inventando letteralmente affermazioni o situazioni completamente false. A partire dalla seconda metà degli anni Cinquanta (anche se Georg Klein, una delle figure chiave della leggenda, fu un precursore), alcuni appassionati iniziarono a unire le storie esistenti, creandone di nuove, più lunghe. Hanno addirittura aggiunto notizie e dettagli senza lasciare traccia nelle fonti stampa originali e senza fornire informazioni verificabili sulla loro provenienza. Si è cercato di creare una narrazione complessiva, molto più strutturata e che includesse tutti i personaggi e le affermazioni precedenti, costringendoli ad abbinare tra loro affermazioni non documentate o addirittura false (ad esempio, Giuseppe Belluzzo che lavorava in Germania, anche come subordinato di improbabili persone senza prova del background tecnico). La nuova narrazione romanzata divenne una sorta di “film” facile da vendere, pronto per essere rivisitato e riutilizzato di volta in volta fino ai giorni nostri. Un buon esempio è stato un articolo in uno dei primi numeri della Flying Saucer Review, basato su un ritaglio di un giornale croato che citava fonti della stampa europea (Creighton, 1955). Tali distorsioni crearono una nuova narrazione, diventando di fatto il racconto della nascita e dello sviluppo dei dischi volanti tedeschi. Puoi trovarlo facilmente nei libri sugli UFO meno studiati e nella stragrande maggioranza delle pagine WEB e dei siti che trattano l’argomento.

Un effetto collaterale del nuovo spin-off della mitologia UFO sui dischi volanti di fabbricazione tedesca è stata la generazione di alcuni casi irrisolti che hanno coinvolto persone che riferivano qualcosa che ben corrispondeva agli elementi chiave della mitologia stessa. All’improvviso si ricordarono di aver visto i dischi a cupola azionati dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Inoltre, sembrava che la conoscenza del testimone dei moderni dischi volanti avesse influenzato il modo in cui veniva descritto l’aereo. Era come l’emergere regolare di casi freddi sugli UFO, che iniziò già nei primi giorni dei dischi volanti, nell’estate del 1947: le persone si comportavano in modo “anch’io” e volevano essere parte del gioco, mescolando falsi ricordi, pio desiderio, o anche solo pure invenzioni.

La maggior parte degli autori non UFO, e anche quelli con un atteggiamento leggermente scettico, di solito hanno utilizzato gli articoli di stampa degli anni ’50 come fonti affidabili, considerando alla lettera le storie degli inventori o degli informatori. Spesso non hanno mostrato alcun pensiero critico e non hanno valutato l’inevitabile distorsione insita nei resoconti della stampa. Nonostante siano della massima importanza storicamente e socialmente, l’affidabilità di queste fonti è in genere lungi dall’essere adeguata o addirittura accettabile. Il nocciolo di ciò che è stato riportato dalla stampa era probabilmente abbastanza corretto, ma i cambiamenti, i tagli e le interpretazioni di ciò che i personaggi delle storie sugli UFO nazisti hanno raccontato ai giornalisti sono stati probabilmente pesanti e significativi. Difficile pensare che quei giornalisti abbiano portato avanti una vera inchiesta: si è trattato di un’eccezione quando è avvenuta. L’argomento era troppo borderline per meritare il coinvolgimento di una valutazione approfondita. Era emotivamente intenso e calamitava l’interesse di molti lettori: questo aiutava a vendere copie pur conoscendo la realtà mondana delle cose no. Quando si trattava di un argomento del genere, i giornalisti limitavano la loro azione alla ricerca di notizie e alla loro pubblicazione, evitando solitamente un coinvolgimento profondo e senza avere una visione d’insieme o storica. Quegli autori, compresi quelli piuttosto noti, non hanno approfondito le fonti primarie dell’epoca. Sono rimasti limitati a pochi tipici articoli di stampa che venivano frequentemente citati, e hanno ripetutamente commesso gli stessi madornali errori che hanno scoperto nelle peggiori fonti pubblicate dopo i primi anni ’50.

Successivamente, all’inizio degli anni ’90, i sostenitori dell’incredibilmente intrigante argomento UFO nazista iniziarono a inventare nuove storie senza citare le fonti, prendendo per oro colato le affermazioni di alcuni individui molto dubbi e distorcendo o addirittura fabbricando il contenuto dei resoconti stampa originali degli anni ’50. Hanno contribuito allo sviluppo e alla propagazione di nuove mitologie e narrazioni. Hanno creato una storia alternativa, che è stata poi promossa da altri autori, elevando le storie a un nuovo livello. Il nuovo materiale proposto da quegli autori come genuino è venuto all’improvviso ed è stato subito dato per scontato da decine di creduloni che lo aspettavano con avidità. Tale materiale stimolò altri autori e personaggi, che iniziarono subito a produrre materiale simile. Il processo ha generato una gamma ancora più ampia di storie improbabili che sono entrate nel regno della fantascienza. La nuova narrazione ha trasformato i rozzi prototipi originali di aerei a forma di disco in astronavi interplanetarie e persino interstellari in viaggio verso Marte e il sistema stellare di Aldebaran, grazie a sistemi di propulsione antigravitazionale vagamente descritti. Successivamente, Internet divenne il mezzo perfetto per diffondere storie di fantascienza, supportate da un ampio flusso di fotografie chiaramente false che mostravano dischi volanti a cupola del tipo Haunebu e navi madre a forma di sigaro del tipo Andromeda, tutti abbelliti dai nazisti. Insegne tedesche. La diffusione di tale spazzatura è stata alimentata dalla rapida vendita di tutto ciò che riguarda le storie più folli che coinvolgono malvagi scienziati nazisti: la relativa popolarità dei film di serie B del genere zombie nazista ne è un buon esempio. Gli Ufo nazisti sono un sottogenere a sé stante, che offre un’ampia produzione di libri, video e kit modello, generando vendite significative. Il mito è cresciuto costantemente ed è stato incapsulato nella cultura popolare.

Nel 2008, l’artista polacco Hubert Czerepok, che aveva già prodotto opere legate alle teorie del complotto (la bufala dello sbarco sulla Luna) e ad argomenti marginali (tra cui un famoso incontro ravvicinato polacco), ha allestito una mostra sul mito degli Haunebu. Ha creato un modello in legno dipinto di bianco di 160 cm di larghezza di un “Haunebu”, che in realtà era un classico disco volante degli anni ’50, somigliante molto alla molto sfruttata nave da ricognizione Adamski. Czerepok ha compilato una piccola raccolta delle tipiche immagini false facilmente disponibili online raffiguranti dischi volanti tedeschi (ingenuamente armati di artiglieria) e altre immagini UFO. La mostra è stata inizialmente allestita per la galleria d’arte contemporanea Zak | Branicka a Berlino. Rimase per due mesi, ottenendo un buon flusso di visitatori e ricevendo recensioni sui giornali, tra cui il popolare Bild. Successivamente si è trasferito al Museo storico e tecnico di Peenemünde e successivamente ad alcune gallerie d’arte private. L’installazione di Czerepok è stata un eccellente esempio del potere di attrazione degli UFO nazisti all’interno della cultura popolare moderna e un altro modo per promuoverlo senza mettere in discussione la mancanza di prove ragionevoli. L’organizzatore della mostra berlinese ha concluso così l’introduzione all’opera e ai suoi artisti:

[…] Il suo scopo non è contraddire nessuno o dimostrare nulla. Bluffa, manipola lo spettatore e vuole generare incertezza. Proprio come non si è mai sicuri che ciò che si crede comunemente sia accaduto, bisogna anche chiedersi se ciò che riteniamo assurdo possa essere solo finzione.

I ragazzi che falsificavano le immagini di tali UFO nazisti avevano una fantasia piuttosto limitata. Per lo più utilizzarono come modello la famosa e inconfondibile “nave da ricognizione” del famoso contattato americano George Adamski (1891-1965). Dall’inizio degli anni ’50, quel disco seminale divenne una (se non “l’unica”) delle principali icone della cultura popolare sui dischi volanti. Quei ragazzi aggiunsero la croce nera tedesca e alcune armi altamente ingenue, come cannoni di grosso calibro, sfidando il buon senso. Gli autori che promuovevano le nuove storie naziste sugli UFO, supportate da improbabili immagini e documenti grezzi, hanno cercato di spiegare l’estrema somiglianza tra le (false) foto di Adamski e le loro. Hanno fatto un divertente esercizio acrobatico di storia inversa. Adamski aveva scattato foto di dischi volanti e navi madre naziste da basi segrete dove gli scienziati tedeschi avevano ulteriormente sviluppato i progetti originali della Seconda Guerra Mondiale. Sembrava un tentativo ammirevole e del tutto insensato di giustificare il motivo per cui si erano ispirati a immagini precedentemente false.

Il tedesco Andreas Joseph Epp (1914-1997) esemplifica quei personaggi che sfruttano le prime notizie sui dischi volanti tedeschi e si incapsulano nelle storie. Sebbene sia apparso sulla stampa più tardi del 1954, Epp è stato una figura paradigmatica per le debolezze e le contraddizioni delle storie sui “dischi volanti tedeschi” degli anni Cinquanta e Sessanta. Dalla fine degli anni ’80 e dopo la sua morte, Epp divenne il punto di riferimento degli appassionati in Germania e in altri paesi che promuovevano le leggende naziste sugli UFO. Erano emozionati dal fatto che un “testimone” vivente confermasse le loro convinzioni e fornisse molto materiale. Alla fine di questo volume potete leggere una lunga appendice con materiale inedito su di lui.

L’idea alla base delle storie dei dischi volanti tedeschi degli anni ’50 era piuttosto ingenua e romantica. Il nuovo velivolo rivoluzionario era sostanzialmente il risultato del genio di un uomo e del lavoro di un gruppo limitato di tecnici, solitamente per periodi brevi o addirittura brevissimi. Era più o meno la stessa situazione descritta in molti romanzi pre-fantascienza del 1800 che coinvolgevano scienziati geniali. Quegli inventori solitari affermavano di aver ottenuto come per magia materiali e attrezzature molto scarsi (ad esempio, i tanto necessari motori a reazione e rare leghe speciali), senza lasciare alcun documento di richiesta ufficiale nei dettagliati archivi degli appalti tedeschi, ritrovati intatti alla fine della guerra. .

Gli autoproclamati inventori dei dischi volanti progettati o addirittura costruiti in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale non erano i soli. Le persone che rivendicano invenzioni fantastiche, solitamente basate su tecnologie di prim’ordine o sogni tecnologici dell’epoca, hanno spesso guadagnato facile popolarità sui giornali locali o, talvolta, sulla stampa nazionale. Ad esempio, molti anni dopo l’improvvisa comparsa della bomba atomica, numerosi inventori in tutto il mondo vantavano dispositivi termonucleari fatti in casa, dispositivi in grado di far esplodere a distanza le armi nucleari immagazzinate dai paesi nemici, razzi, astronavi e un’ampia gamma di armi atomiche. gadget alimentati. Molti altri apparvero prima della Seconda Guerra Mondiale, sostenendo di aver inventato dispositivi o armi rivoluzionari come raggi mortali, raggi di energia, trasmettitori su Marte, dirigibili e molto altro, utilizzando modelli comportamentali molto simili a quelli usati dagli UFO o dagli inventori nazisti di UFO. Ad esempio, diversi inventori e truffatori ingenui hanno raccontato di armi radio wireless, dispositivi per fermare le auto e vari raggi mortali. Tutte quelle mirabolanti invenzioni furono elementi decisivi nell’immaginario tecnologico dell’epoca, capaci di stuzzicare la fantasia dei lettori dei giornali che ospitavano quelle divertenti storie. Ogni inventore appariva e veniva in qualche modo utilizzato dai media ogni volta che un nuovo argomento era abbastanza meraviglioso da catturare l’attenzione del pubblico e abbastanza impreciso da consentire la discussione senza troppi rischi di essere confutato.

Questa sottocultura relativamente ampia di “invenzioni alternative” è per lo più ancora inesplorata, ma va oltre lo scopo di questo libro. C’erano personaggi davvero al limite, come la tedesca Franza Philipp. Nel suo raro libro afferma, tra le altre cose, di essere volato nello spazio con l’astronave FRALI I che aveva costruito con l’aiuto di suo cugino. Alla fine di quell’anno, Philipp sbarcò sulla Luna insieme al pilota d’aviazione Ernst Udet (1896-1941) e la visitò più volte. Allestì anche una stazione lunare con l’aiuto di alcuni amici e poi, nel 1938, costruì e lanciò una stazione spaziale. Questo personaggio estremamente bizzarro non utilizzava razzi, ma “volo naturale, telecomandato con motori solari”. Philipp ha detto di aver trovato sulla Luna esseri amanti del miele alti 1,5 metri. Nel 1969 aveva già volato attraverso l’intero sistema solare: ad esempio, arrivò su Marte in 26,7 ore e due marziani vissero a lungo in Germania per studiare le persone. Ha anche annunciato di essere vicino a volare alla velocità della luce.

Questo libro tenta di fornire una storia sociale della nascita e del primo sviluppo delle numerose storie secondo cui i tedeschi progettarono e costruirono aerei circolari altamente avanzati durante la Seconda Guerra Mondiale. Secondo loro, progetti o addirittura prototipi sarebbero stati poi eventualmente sequestrati e ulteriormente sviluppati dai sovietici (o dagli americani o anche dagli inglesi), provocando gli avvistamenti di dischi volanti in tutto il mondo. Si concentra esclusivamente sulle fonti di stampa e sui documenti originali dell’epoca, evitando ricordi successivi di individui emersi dopo che le storie originali erano state ristampate ripetutamente, stabilendo una presenza stabile nella cultura popolare. La maggior parte dei libri sugli UFO e degli articoli di riviste riguardanti gli UFO nazisti non sono stati considerati fonti credibili. Non hanno alcun significato storico. I loro autori in genere prendevano alla lettera alcune fonti della stampa degli anni ’50, spesso manipolando le informazioni per creare connessioni e raggruppamenti non plausibili tra le figure chiave della mitologia in crescita. Hanno alterato le storie originali per adattarle ai loro scopi e ai desideri dei lettori, generando nuove versioni successivamente copiate da altri autori, che si sono evoluti un ulteriore passo avanti in un regno di pura fantasia. In alternativa al concetto travolgente dei dischi volanti provenienti dallo spazio, queste storie venivano raccontate ripetutamente, fino a diventare parte della tradizione popolare e della narrativa convenzionale. La scarsità di fonti di stampa conosciute spesso ha aiutato quelle affermazioni fantasticate o false.

Le fonti primarie consultate per questo progetto sono state articoli di stampa. L’accuratezza delle informazioni è probabilmente relativamente scarsa, e i fatti sono probabilmente diversi da quanto riportato nei giornali della sera, nei tabloid o nei settimanali che cercavano di trarre vantaggio da questioni come i diabolici nazisti e gli enigmatici dischi volanti. La nostra storia si basa su ciò che scrivevano i giornalisti dell’epoca, spesso inesatto o travisato rispetto a quanto dicevano le fonti da loro intervistate. Sfortunatamente, i media sono praticamente la nostra unica fonte. Il nostro saggio può quindi essere visto come un lavoro sulla percezione sociale di quelle vecchie storie dopo essere state rese pubbliche dalla stampa. Poiché non abbiamo accesso ai documenti originali o alle conversazioni con le persone che hanno inventato tali storie, non sempre si tratta della storia dei fatti reali. Ad esempio, conosciamo le discrepanze tra le informazioni su un avvistamento UFO (o altri argomenti insoliti) pubblicate da un giornale e le informazioni raccolte attraverso un’intervista al testimone fatta da un investigatore UFO sufficientemente qualificato. Le situazioni e i dettagli variano spesso nonostante il fatto che i dati primari siano in genere più o meno gli stessi. I primi resoconti sui dischi volanti tedeschi molto probabilmente sperimentavano la stessa cosa.

La cronologia di quest’opera in due volumi si conclude intorno al 1954 perché si concentra sulla primissima fase di una mitologia che si è evoluta in modo significativo nei decenni successivi, diventando sempre più fantascientifica e spesso piuttosto folle. Fino al 1954, queste storie riguardavano più o meno “dischi volanti tedeschi”, coinvolgendo improbabili inventori o piccoli gruppi di tecnici che progettavano ingenui progetti di aerei circolari a reazione che imitavano le descrizioni dei dischi volanti e in genere sfruttavano la tecnologia avanzata dell’epoca. Successivamente, si trasformarono gradualmente in racconti sempre più fantastici e divennero più ovviamente una forma di propaganda per la grandezza tedesca e, a volte, per il Terzo Reich. Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, quando si dedicarono alla pura fantascienza e furono utilizzati da una piccola minoranza per sostenere anche l’ideologia nazista, divennero noti come “UFO nazisti”. Nonostante la nostra convinzione che ci sia una differenza tra i due, in questo libro entrambi verranno definiti “UFO nazisti”.

Questo lavoro culmina un interesse iniziato nel 1982 e che ha accumulato informazioni e documenti senza precedenti riguardanti i miti e le leggende che circondano i “dischi volanti tedeschi” e gli “UFO nazisti”. Esemplifica come la ricerca rigorosa, il confronto e l’analisi critica consentano di valutare e comprendere uno scenario fattuale invece delle informazioni tradizionali su questo argomento marginale di nicchia. Questo autore non è uno storico professionista ma piuttosto un dilettante della storia degli UFO, e il suo lavoro è stato influenzato dalla mancanza di tempo, risorse e conoscenze specializzate. Di conseguenza, non è del tutto esaustivo e probabilmente contiene difetti ed errori.

Questo lavoro suggerisce, ancora una volta, come un forte desiderio di credere e lo sfruttamento commerciale o personale di argomenti marginali molto accattivanti generino un quadro condiviso da coloro che cercano conferma delle proprie idee o convinzioni o che sono attratti dal fascino degli argomenti. Gli autori disposti a provare a guadagnare velocemente (o ad ottenere visibilità) capitalizzano abilmente tale fascino producendo contenuti facili da vendere, come articoli, libri, documentari e narrativa. Come per altri argomenti marginali, la disponibilità di strumenti di autopubblicazione per un numero crescente di persone ha aumentato la produzione di tali contenuti, tipicamente di bassa qualità o spazzatura.

La storia dipende dalla conoscenza delle fonti. La storia dell’origine e del primo sviluppo delle leggende sugli UFO nazisti dipende da fonti della stampa contemporanea. Erano loro i veri propagatori di quelle storie. Queste sono le uniche fonti disponibili: non è stato rinvenuto nessun documento della Seconda Guerra Mondiale. Probabilmente le nostre conoscenze sono ancora limitate dalla mancata disponibilità di tutte le fonti di stampa dell’epoca.

Nonostante gli sforzi di raccolta di alcuni studiosi di UFO, come Andrè Kramer, la nostra conoscenza della stampa tedesca tra il 1947 e la metà degli anni ’50 è ancora incompleta. Pochi vecchi giornali tedeschi sono consultabili online, apparentemente a causa delle rigide leggi sul copyright. Il numero di raccolte online consultabili di giornali europei pubblicati tra gli anni Quaranta e Cinquanta è ancora limitato e la situazione sta lentamente migliorando. Inoltre, alcune raccolte presentano restrizioni o, peggio ancora, strumenti di ricerca limitati o inefficaci. La qualità dei documenti originali, il tipo di processo di scansione, il software OCR utilizzato per convertire le immagini scansionate in testo ricercabile e il software di query sono tra i fattori più cruciali che determinano la qualità dei risultati della ricerca. Oltre al fatto che la maggior parte dei vecchi giornali non sono ancora disponibili online, molte informazioni preziose sono state probabilmente trascurate dai ricercatori che esaminano le biblioteche pubbliche online o i servizi privati che offrono accesso agli archivi dei giornali storici. Nel 2016, questo autore ha tenuto una conferenza in italiano su come cercare articoli negli archivi storici dei giornali online e gestire i ritagli di stampa, utilizzando come esempio il suo massiccio sforzo pluriennale per raccogliere informazioni sull’ondata UFO americana del 1947.

Cosa sono gli “UFO nazisti”

Gli “UFO nazisti” sono popolarmente riconosciuti come gli aerei a forma di disco che sarebbero stati presumibilmente progettati o addirittura realizzati dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Secondo inverosimili e più recenti sviluppi della leggenda originaria, essi furono ulteriormente perfezionati fino a diventare vere e proprie astronavi interplanetarie o interstellari. Varianti di tale narrazione di tipo fantascientifico includevano tecnologie esotiche retroingegnerizzate dai nazisti grazie al recupero di dischi extraterrestri schiantati trovati nel 1936 nella Foresta Nera o piani dettagliati per motori e astronavi più veloci della luce rivelati da una medium associata alla presunta società segreta Vril, già nel 1917.

Esistono due flussi principali di storie abbastanza distinti l’uno dall’altro. Il primo è nato nel 1947, contemporaneamente alla comparsa dei dischi volanti, e ha iniziato a crescere a valanga nel 1950. I due volumi di questa opera trattano dei personaggi e delle storie emersi fino al 1954.

Gli autori di estrema destra che cercavano di promuovere la grandezza del nazismo e della Germania diedero origine alla seconda corrente già negli anni ’80. Hanno spostato il paradigma dagli aerei avanzati a forma di disco, simili ed alla portata della tecnologia attuale, ai velivoli super avanzati e pesantemente armati e, poi, persino alle astronavi che volano su Marte o oltre il sistema solare fino al sistema stellare di Aldebaran. I sostenitori di quei racconti fantascientifici utilizzarono l’iconografia UFO facilmente disponibile per rivelare gli UFO nazisti e sfruttare il potere delle immagini per rendere i resoconti più popolari. Le immagini erano molto più evocative dei racconti scritti, potevano essere assimilate ed apprezzate velocemente dagli appassionati e rimanere più a lungo, con un impatto maggiore, nella loro memoria. Almeno per tre decenni, le presunte “navi da ricognizione” extraterrestri descritte dal contattista americano George Adamski furono le immagini stereotipate del disco volante. Gli schizzi di Adamski, le foto sfocate e le variazioni create da altri furono modificate per adattarle alla nuova origine tedesca. Fu fornita una brillante giustificazione per la sorprendente somiglianza tra l’iconografia di Adamski e il flusso di immagini ingenue e disegni approssimativi prodotti dagli autori tedeschi (e poi dai loro simpatizzanti su Internet). Adamski osservò, fotografò e comunicò con super-aerei costruiti e gestiti dai nazisti da una remota base segreta, non con esseri extraterrestri. È stato un esempio esilarante di manipolazione di una realtà già manipolata.

Secondo la classificazione arbitraria dell’autore, sarebbe più opportuno riferirsi al primo flusso originale di storie come “dischi volanti tedeschi” e al secondo, che rappresenta un’alterazione radicale dei resoconti precedenti, come “UFO nazisti”. I dischi volanti, i loro progenitori, hanno subito una progressione simile: essi (o, più precisamente, la cultura popolare che prima li ha assorbiti e poi ha iniziato a (ri)generarli) hanno subito un’evoluzione da dischi solidi a UFO più effimeri e magici, poi mutati in una serie di argomenti marginali e molto attraenti, come il Triangolo delle Bermuda, il channeling, i rapimenti alieni, i cerchi nel grano e le cospirazioni governative, tra le altre cose.